Scaricare Libri Gratis




Paracarri. Cronache da un'Italia che nessuno racconta libri gratis PDF / EPUB

  • Autore: Alessandro Calvi
  • Editore: Rubbettino
  • I dati pubblicati: Maggio '2015
  • ISBN: 9788849844252
  • Formato del libri: PDF, Epub, DOCx, TXT
  • Numero di pagine: 235 pages
  • Dimensione del file: 44MB
  • Posto:

Sinossi di Paracarri. Cronache da un'Italia che nessuno racconta Alessandro Calvi:

Mussolinia di Sicilia, la citta che avrebbe dovuto dar lustro all'Italiafascista ma non vide mai la luce, se non in qualche fotomontaggio spedito alduce affinche non sospettasse che quella citta era soltanto una sua tragicaillusione. Tra la Puglia e la Basilicata, in un paesaggio che mescola Hoppercon De Chirico, galleggiano centinaia di casette costruite negli anniCinquanta e oggi dimenticate, le quali rappresentano la sconfitta dellacivilta rurale, come la racconto Pasolini. Nella pancia di Messina migliaia difamiglie vivono in favelas, terribile impasto di lamiera e amianto. E poi cisono Taranto con l'Ilva che e ancora cronaca e Casale Monferrato con l'Eternitche e gia storia. Il "baretto" di Vezio, dietro il Bottegone, "struttura delcomunismo italiano" che non c'e piu. E ancora: alla fine degli anni Cinquanta,in piena Guerra Fredda, nelle Murge vennero istallati 30 missili con testatanucleare ma nessuno ne ha mai saputo niente sebbene per tre anni l'Italia ful'obiettivo privilegiato di Mosca. Sono tante le storie che ancora siincontrano nelle pieghe di questo paese. Storie piccole, lente, laterali,raccontate con Pasolini in valigia, e con in mente le inchieste di DaniloDolci e Nuto Revelli, i pensieri di Carlo Levi, i racconti di LeonardoSciascia, e il ricordo di certe trasmissioni in bianco e nero della Rai. Tutteinsieme raccontano un Paese rimosso dai giornali e dalla televisione e chepero svela il conformismo che affligge il Centro: il Palazzo, Roma e Milano...
Mussolini, the city that was supposed to give lustre to fascist Italy but never saw the light, if not in some shipped to photomontage duce lest he suspected that there was only one his tragic delusion. Between Apulia and Basilicata, in a landscape that mixes Hopper with De Chirico, float hundreds of houses built in the 1950s and today forget, representing the defeat of the rural civilization, as recounted Pasolini. In the belly of Messina thousands of families live in favelas, terrible mixture of sheet metal and asbestos. And then there are Taranto with Ilva is still record and Casale Monferrato with Asbestos that is already history. The "little bar" di Vezio, behind the big shop, "structure of Italian communism" that no longer exists. And again: in the late 1950s, during the cold war, nuclear missiles were installed in Murge 30 but no one has ever heard anything though for three years the Italy was the privileged target of Moscow. There are many stories that still meet in the folds of this country. Small stories, lens, side, told with Pasolini in the suitcase, and with that in mind the inquiries of Danilo Dolci and Nuto Revelli, Carlo Levi's thoughts, tales of Leonardo Sciascia, and the memory of certain black and white broadcasts of Rai. All together tell a Country removed from newspapers and television but which reveals the conformism that afflicts the Center: the Palace, Rome and Milan.

Comentarios

Sergio

mi piace continuare ad andare

Giada

buon libro! si prega di controllare anche la mia :